psicologo per la coppia

Psicologo per la famiglia

Questo post ha lo scopo di fornire un’idea sull’approccio che utilizza lo studio di psicoterapia Mendicino nel trattare le crisi di famiglia. Alcuni concetti vengono qui esposti con l’intento di sollecitare nel lettore stimoli intuizioni e pensieri creativi benefici: ‘movimenti’ capaci di contribuire a una migliore ricerca di come sciogliere i nodi della sofferenza familiare.
La Famiglia è una naturale organizzazione impegnata a proteggere e ad accrescere la forza e il prestigio di se stessa.
È naturalmente portata a cooperare e a sviluppare una struttura collaborativa e compatta.
Tensioni, inimicizie,litigi, gelosie, invidie per la famiglia sono un veleno,vanno a rovinare la funzione più importante, vale a dire la cooperazione e la conseguente unità. Quando ne è affetta non riesce a nutrire del necessario calore familiare i suoi membri e i suoi figli.
La famiglia sana tende ad accordarsi e ad armonizzarsi come fosse un’orchestra. La psicoterapia di famiglia richiama alla mente una prova d’orchestra. Esercizi di armonizzazione di orchestrazione, di esecuzione vanno a formare o ad accrescere quelle competenze utili a far funzionare bene la famiglia.
Lo psicologo di famiglia cerca i motivi consapevoli e inconsci, che causano la sofferenza e il malfunzionamento del nucleo famigliare. Spesso i motivi sono molteplici, alcuni hanno addirittura storia transgenerazionale, altri possono essere determinati da influenze negative provenienti dalle rispettive famiglie di origine, altre volte, ancora, possono essere ricondotti al mancato supporto socio-culturale, o anche ad aspetti psicofisici legati ai singoli i componenti.
Coinvolgere la famiglia o i membri della stessa a lavoraresenza preconcetti intorno al problema può essere un buon esercizio per ri-appropriarsi della capacità a cooperare e di sviluppare il senso della vita famigliare. Vogliamo precisare che ogni famiglia ha una propria storia, un carattere, delle sensibilità specifiche che esigono un ascolto e un approccio personalizzato al quadro che di volta in volta si presenta.
Se la famiglia ha conosciuto momenti sereni e gioiosi e la sofferenza è sopraggiunta in un secondo momento, si può ben sperare che sia più semplice rimuovere ilproblema.Se invece le difficoltà interessano l’intera storia, e sconfina addirittura oltre,allora il lavoro di recupero diventa più complesso. Talvolta diventa importante anche la riduzione del danno o il suo contenimento .
Un ambiente psicosociale insano non favorisce la salute della famiglia , infatti sono molte le famiglie che soffrono in un ambiente di “cattività”. I riti e i miti hanno la capacità di proteggere la famiglia. Attacchi preconcetti all’autorità e ai ruoli familiari e non, segnalano attività “corrosive”. Rapporti troppo caldi e stretti o troppo freddi e distanti segnalano una qualche disfunzione. Come si diceva nel film Il Padre di Giovanna: “I genitori che si amano e se lo dimostrano fanno i figli belli”.
Un solo trattamento psicoterapico a volte è sufficiente per accendere una luce di speranza e amorevoli motivazioni. Ma generalmente la durata va dai tre mesi a periodi più lunghi. Le sedute a secondo dei casi possono essere settimanali, bisettimanali o mensili.L’Autore che ha molto studiato e approfondito le Tensioni Coniugali e che rappresenta per noi un riferimento sempre valido e utile è Henry V. Dicks

Psicologo Roma